Gli auguri 2018.

Il video di quest’anno fa davvero cagare. Non che quelli degli scorsi anni fossero decenti, ma questo a bruttezza li batte tutti. E’ in presa diretta, primo tentativo, ma non ci sono attenuanti. Miriam inizialmente non lo voleva fare, poi però si è lasciata convincere. E’ tutto orrendo; le luci, le voci, il karaoke. Miriam è sempre uguale, io al contrario se possibile ancora più imbruttito. Questo è un documentario di antropologia pessimista. Moriremo tutti, ma alcuni più brutti di altri.

Eppure eccolo qui. Enjoy this piece of shit and shut up.


Leave a comment

Gastone (non è Gastone) in livrea invernale

Gastone (non è Gastone) ama questi luoghi ameni. Soltanto persone aride e malvagie possono pensare che egli venga qui solo per pescare le carpe. Oppure Gastone (non è Gastone) è un Allocco travestito da Airone ( non è un Airone ma una Garzetta) perchè pescare attraverso la superficie semighiacciata della Pozzanghera mi sembra che sia più patrimonio genetico degli orsi.

Alcune previsioni avevano stimato almeno 20 centimetri di accumulo di neve. Mi suocera usa lo stesso quantitativo per metro quadro di zucchero vanigliato quando prepara la torta allo yoghurt. Alcuni previsori improvvisati dovrennero infatti lasciare la loro attività e dedicarsi alle torte allo yoghurt. Così, tanto per dire.

Errata Corrige. Dopo aver sentito il Consulente Biologico, devo rettificare. Non si tratta di Gastone l’Airone perchè gli Aironi non hanno una livrea invernale, mai avuta, me lo sono totalmente inventato perchè sono ignorante e presumo cose inesistenti. Si tratta di una Garzetta, forse la stessa già vista nei mesi passati. La Garzetta è bianca a Dicembre come ad Agosto (credo) .

Già che ho dovuto correggere il post, aggiungo anche le temperature e l’umidità relativa degli ultimi 3 giorni a Basaluzzo.


2 Comments

2 Fiocchi.

Clicca. Ma adesso non lo scrivo più.

Due fiocchi bagnaticci, spero solo che non venga un gelicidio, abbiamo già dato lo scorso anno. Se invece la precipitazione nevosa dovesse accumulare, potrei sommergere questo post di fotografie delle webcam.

Leave a comment

Il gelo di Basaluzzo ed altre novità

Forse ho scoperto come si fa a mettere su una foto con del testo a fianco. Me lo ha indicato un tizio sul forum di WordPress.  Il sistema non è difficile ma trae in inganno perchè questa è la decima volta che ci provo. Nel test precedenti la combinazione veniva un po’ alla cazzo, bisogna prestare particolar attenzione a dove si preme con il tasto del mouse. Lo so che bisogna SEMPRE premere il tasto del mouse, o qualsiasi tasto, con estrema cautela. Un tasto sbagliato e la Terra si trasforma di polvere cosmica.  Qui a fianco il feeder dei semi di girasole, luogo di incontro delle cinciallegre. Non lo sapevo: in Inglese la Cinciallegra si chiama Great Tit, ovvero grande tetta. Ma con tutte le possibili combinazioni di vocali e consonanti a disposizione dell’idioma anglosassone, proprio TIT dovevamo scegliere ?

Oh belin; a Basaluzzo questa mattina presto ha segnato -6.5°. Forse è leggermente sotto la media per questa decade dicembrina, ma vale la pena ripetere fino all’escoriazione che il freddo di questi tempi è una benedizione, fa bene alla natura.

La Pozzanghera Gelata. foto cliccabilissima.

Sto lentamente impratichendomi con la 5.01, da parte mia non ne sentivo il bisogno, ma chi gestisce WP ne sa ben più di me e loro sanno quello che fanno.

Questa immagine non è cliccabile.

Questa immagine è una scemenza che ho messo su Facebook per mostrare la teoria del campo gravitazionale che si distorce intorno ad un pianeta. Un altro membro di un gruppo aveva messo un Ferrero Rocher dicendo che lo aveva mostrato alla fidanzata per spiegarle la teoria delle onde gravitazionali. Probabilmente se la voleva trombare e basta. Non ho osato dirgli che la granella di nocciole avrebbe fatto del male alla ragazza durante l’introduzione del medesimo in vagina, al contrario un Lindor sarebbe stato meglio in quanto liscio e dunque entra meglio. Sarei stato scacciato dal Gruppo. Mi sono limitato a dire che le nocciole non sono previste dalla teoria iniziale e che dunque suggerivo il Lindor.

Leave a comment

Freddino.

Non sapendo cosa cazzo dire, ma dovendo dire qualcosa, mi focalizzo sul freddo che fa. Nulla di eccezionale, totalmente nella norma, c’è pure il sole.

Nota sociale. Mi da fastidio la gente che cazzeggia sui marciapiedi, quando io ho fretta per andare a fare un corriere di documenti (che se non fossi riuscito a farli  entro questo pomeriggio, il mondo si sarebbe spaccato in due)

Quattro lettere firmate, guai a fare errori. Mentre finisco di passarne una nello scanner per anticiparle a mezzo mail, mi cade l’occhio su un errore di battitura. “Il suo contenuto” diventa “Il suon contenuto”. Come una scoreggia silenziosa. Ne ho per l’acciuga di ribattere, ri scansionare e allora estraggo dal cassetto il bianchetto nella sua comoda confezione a guisa di pennarello, lo agito ben bene, spremo come si spreme un limone perchè la punta si secca sempre, tolgo il cappuccio, appoggio la punta sul foglio. Esce un litro di ammoniaca perchè quello non era il bianchetto bensì After Bite, lenitivo delle punture di insetti. Questa è stata una delle ragioni per cui detesto la gente indaffarata che affolla i marciapiedi sotto le feste.

Devo ricordarmi di andare sul forum di WordPress e chiedere come belin si fa a mettere una foto con a fianco del testo. A picture with some test a fianc.

Altra leggera increspatura delle mie balle: in questi giorni Windows sta facendo aggiornamenti che rallentano il computer in modo perdurante ed esasperante. Lo so che con la scusa degli aggiornamenti mi stanno in effetti copiando tutto l’hard disk per vedere di vendermi della merda, se ho idee politiche, se ho dei soldi in banca, i miei amici, quanto volte scrivo TETTE.

Tette.




Leave a comment

5.0.1

E’ l’ultima release dell’editor di WordPress uscita in fretta dopo quella di qualche giorno fa. Evidentemente c’erano delle sbavature e sono corsi ai ripari. Nel frattempo si è tappata la fogna sotto le cantine, da 0 a 10 c’era odore di merda uguale 3. Hanno dovuto rompere il pavimento in diversi punti, sturare e ripristinare. OdM=9, per due giorni nelle scale, mentre in casa i valori registrati sono stati  OdM=5. Oggi hanno tappato quasi tutto e pertanto:

  • Casa OdM=0
  • Scale OdM=2

Sono ancora in fase di adattamento a questo nuovo editor. Spero di riuscire a farlo funzionare bene prima della release 6.

Come si fa a postare una foto su un lato con del testo a fianco ? Queste finestre colorate fanno abbastanza cagare. Vado a chiedere sul forum di WordPress.

Circa gli allineamenti, ho ancora delle incertezze.


2 Comments

Elaborazione lunga di questo post.

Intanto Json ha sempre qualcosa da obiettare riguardo ai miei tentativi di fare un upload di una foto. Come suggeriva l’amico Paninetti, manca qualche parentesi graffa in qualche linea di sorgente (o qualcosa di simile).

Oggi è un anonimo Mercoledì di Dicembre ed è come essere in un mare agitato; arriva Natale (con tutte le luci, speriamo che un bimbo le tocchi e si bruci cit.) ed io, come ho già scritto ripetute volte, non amo questo periodo dell’anno per motivi mainstream e banali.

Mi vengono in mente le parole di una canzone di Edoardo Bennato, che qui di seguito riporto per mostrare la mia grande cultura musicale di cantanti impegnati:

Un giorno credi di esser giusto e di essere un grande uomo in un altro ti svegli e devi cominciare da zero (AKA, ti senti una merda. ndr). Situazioni che stancamente si ripetono senza tempo...

Quanto ho scritto sopra, “blocco” come lo chiama l’editor , è nero, molto elegante anche se sembra un annuncio mortuario.

Questo invece è rosso con la scritta gialla molto natalizia porco cazzo.

Cliccabile savasandir.

Una segnalazione sticazzi, ma tanto sticazzi. Ieri sera ho mangiato, dopo tanto che non la trovavo, cervella fritta. Credo sia illegale, dunque non cito il ristorante, un luogo imbriccato nella valletta più fredda del  pianeta (insieme al tratto di strada subito dopo la Ruta in direzione Rapallo) dove andavo quando avevo vent’anni, luogo storico di mangiate di funghi e fritti alla piemontese, pansotti e ravioli col tocco. Questa notte ho dormito bene ma ho abbondato nelle gocce di Xanax.

Virghe in lontananza.

Sono intristito dal sempre maggior numero di gente che guida gli scooter con un piede che sfiora l’asfalto fuori dalle pedane. Ecco l’ho detto; mi rendo conto che ripetere questa faccenduola innoqua non è segno di un buon equilibrio emotivo, ma non resisto.

Oggi vado in banca per ordinare un bonifico da parte di una società italiana su un corrispondente olandese. Questa banca (una delle più importanti in Italia) ha delocalizzato alcune funzioni all’estero, in Romania. Per fare un bonifico in dollari su una banca olandese il funzionario di Genova deve mandare tramite mail la richiesta di approvazione ad un funzionario a Bucarest. Ma gli viene risposto che oggi il funzionario era a casa perchè era il suo turno di home working e da casa non è abilitato ad autorizzare queste transazioni. Il mio referente genovese allora prende il telefono e chiama Bucarest, ma passando attraverso un centralino a Milano perchè il suo telefono non è autorizzato a fare chiamate all’estero. A Bucarest continuavano a dargli dei nomi di funzionari sostitutivi tipo Vatanay Dimitrevic Scoprendiasculosic. Che, in alternativa, o stavano bevendo un caffè o il nome non risultava.  Preso dalla disperazione, il funzionario genovese ha iniziato ad insultare e minacciare, alla fine è comparso qualcuno che da Bucarest ha autorizzato il funzionario genovese ad eseguire il bonifico. Con solo alcune ore di ritardo. Se il bonifico non fosse partito entro questa sera, saltava una trattativa andata avanti per un bel po’ di tempo che vale un bel po’ di quattrini ed io sarei andato con il culo per terra perchè chi vuoi che mi creda se attribuisco il demerito del fallimento alla banca con un racconto dell’orrore come questo ?

Per non farmi mancare nulla, almeno per questo pomeriggio, un aggiornamento del browser è andato a bagasce (non è andato a buon fine) e non riuscivo più ad andare su Internet per vedere le solite tette-culi.

Quando ricevo questi messaggi di errore penso che chi li ha ideati sia uno stronzo buontempone che intrattiene i colleghi dicendo “guarda che cazzata si trova scritto l’utente ” mentre compila il sorgente, e giù risate.

Leave a comment

Primo ghiaccio inverno 18-19

Meno 3,5° ed i pesci sono in modalità Findus
Meno 3.5° e le carpe vanno in modalità Findus.

Tanto per iniziare bene la giornata.

Anche questa al sorgere del sole. Una mania.

4 Comments

Add title mofo.

Tentativo n° 2 di familiarizzare con il nuovo ambiente editor di WordPress.

Sono stato sul loro sito nella sezione Forum ed ho intercettato un tipo incazzatissimo che lamenta difetti e vizi nella nuova versione.


Ho impiegato un cazzo di quarto d’ora per caricare questa foto.

Sicuramente io sono poco dotato, per esempio non sono riuscito a linkare questa foto in modo che si possa vedere la sua dimensione originale.

Questa invece – che è diversa da quella precedente – è arrivata a destinazione MA…

…MA al primo tentativo mi ha nuovamente restituito quell’errore scemo, poi la vado a pescare dall’archivio, dove la foto c’è ed eccola qui sopra.

Poi qui sopra c’è un blocco, ma non si vede. Insomma, ho anche altri problemi e WP mi permette di non pensarci, devo solo aggiungere questa inezia alle cose che questa sera spariranno nei fumi dello Xanax.

Addendum. Sono riuscito a capire come si fa a rabberciare la foto con il link. Prima c’era una finestrella in alto, adesso è a destra in basso.


Leave a comment

Oh, Belin, non il Lunedì.

Già è una giornata a rischio per “N” motivi. In più mi trovo un nuovo editor di WordPress. Sto scrivendo a caso in una pagina quasi del tutto bianca.

Clicca (spero)

Mi ci devo abituare. Sono vecchio e queste novità inattese e non volute mi mettono a disagio. Vabbè, la foto che volevo mettere adesso si vede, o meglio io sono portato a pensare che si possa vedere.

Cosa cazzo è una JSON response ?

Mi sembra tutto molto più complicato di prima. Le prime tre volte che ho provato a caricare una foto mi è venuto fuori quel riquadro con un messaggio di errore per me indecifrabile. Adesso provo a salvare.

Probabilmente è un sistema molto più duttile, contiene presumibilmente molte più funzioni, mentre quelle di prima sono messe in un altro modo, oserei dire alla belin di cane, apposta per non farle più trovare dove uno se le aspetta, come se Miriam avesse deciso di punto in bianco di tenere la carta igienica in cucina. Come svegliarsi una mattina e scoprire che il traffico scorre al contrario, come in Inghilterra.


2 Comments