Oggi è freddino.

Questa mattina la temperatura è scesa ancora un po’, bene. Forse la Pozzanghera non sosterrebbe ancora il peso di una persona, dunque per il momento nessuna data per la prova del campionato – femminile – di pattinaggio artistico Bassa Val Lemme.

Ecco la tradizionale immagine del’alba che riflette sul ghiaccio. Poi ovviamente la temperatura durante il giorno aumenta con il sole (sale con il sole non suona bene).

Questo invece è proprio Gastone che forse aspetta che il sottile strato di ghiaccio si sciolga per cercare di prendere qualche rana, o carpa.

Leave a comment

Sotto Zero.

Che bello vedere a Basaluzzo in questa stagione la linea del diagramma cartesiano della temperatura che scende sotto lo zero. Sulla Pozzanghera credo si siano formate le prime sottili e momentanee tracce di ghiaccio, ma non sono sicuro, dalle foto mattutine non si capisce bene.

Questa mattina mi sono trovato a passare davanti all’ingresso del centro vaccinale del Teatro della Gioventù. Ero con Miriam che tra una settimana ci andrà per la sua terza dose di vaccino anti COVID. C’era poca gente in coda, Miriam già che c’era ha chiesto ad un addetto se per caso avesse potuto anticipare la dose ed entrare lo stesso. Le è stato risposto di si. Io ho fatto la terza dose la scorsa settimana (vale la pena salvare la memoria di come è andata, un giorno di questi lo farò).

Mentre parlavo con Miriam su cosa preferiva fare, guardando le persone che entravano in accettazione (che adesso diffusamente si chiama “triage” che fa figo, sono contento che qui in via Cesarea ci sia ancora scritto l’obsoleto ma chiaro termine “accettazione”). Sono stato folgorato dal pensiero di quanto siamo fortunati nel poter fare il vaccino gratis, accolti da persone sorridenti, in un luogo ordinato e pulito, gestito da un sistema nazionale che – almeno in questo caso – garantisce a tutti un vaccino contro il virus.

In tema di vaccinazioni, riporto qui un contributo audio che mi è arrivato tramite WhatsApp dove, molto lievemente, viene rappresentata una dichiarazione a favore della vaccinazione.

Come non includere una foto dei colori autunnali durante il tramonto come se ne sono viste fino alla nausea ?
Leave a comment

Superfluosità Domenicali.

L’airone bianco sta diventanto un frequentatore della Pozzanghera. In effetti il posto è ameno ed offre molte facilities tra cui pesce fresco e rane, tranquillità, vista.

I due bird feeders o dispensatori di semi per uccelli ed il loro supporto nuovo di zecca. Non sono ancora stati scoperti dalle cinciallegre, ma lo saranno a breve. Ieri ho visto uno scoiattolo grigio, quelli così detti “americani”, molto diversi dai locali scoiattoli rossi. Il primo è ben più grande, grassoccio, la coda invece è più piccola rispetto a quella dell’autoctono rosso.

Infine ho scoperto la possibilità di provare a far crescere dei ginepri striscianti in quella collinetta dove i due precedenti tentativi di far crescere qualcosa sono miseramente falliti.

Questa foto mi è stata trasmessa dal vivaista dopo che gli ho parlato del Ginepro nano.

E poi apro una produzione artiginale di Gin, vendo in nero evadento le tasse sull’alcool e finisco sui giornali come si faceva ai tempi del proibizionismo.

Foto tardo pomeridiana dell’Airone (non è Gastone)

Non credo che “superfluosità” sia una parola vera, ma è il concetto che conta.

4 Comments

Cambi di prospettive.

Sia il telefono che il servizio dati sono stati ripristinati a Basaluzzo. Già che festeggio la rapida soluzione del problema, ho modificato l’orientamento della webcam della Pozzanghera.

La scelta deriva dalla intensa necessità che provo di voler mostrare anche il piccolo filare di giovani Tigli sulla destra. Dall’inquadratura è scomparso il segnavento recentemente allestito e che dunque dovrei spostare. Per il momento provo un totale disinteresse, una decisa apatia all’idea di impegnare le mie personali risorse umane per una cosa così poco utile, quel segnavento si vede già poco e se lo dovessi spostare si vedrebbe anche meno.

Ultimamente la Pozzanghera è frequentata da un Airone di colore bianco che quando mi vede si alza in volo e compie diversi giri sperando che io me ne vada. Meno timido di Gastone, apparentemente.

Leave a comment

Oscuramento delle Basacam.

Da qualche giorno il telefono era muto, adesso è muto anche internet. Avevo fatto una segnalazione qualche giorno fa, oggi ho chiamato il 187 ed una ragazza gentile mi ha detto che la segnalazione era in corso e che oggi i tecnici sarebbero intervenuti.

Mi sa di bugia; il dialogo mi sembra risponda alla volontà di voler rassicurare il cliente senza avere elementi concreti. La ragazza, accento straniero, magari è a Bucarest o a Tirana, non sa neppure dove sia Basaluzzo e che cazzo stiano facendo i tecnici. Ha di fronte a se un computer che difficilmente fornisce indicazioni puntuali. Sospetto che il protocollo sia quello di tenere buono il cliente raccontando una sequenza di cazzate standard. Nel frattempo qualcosa si dovrà pur muovere, ma alla lentezza tipica dell’azienda di monopolio che prende il cliente per il bavero e per il culo alternativamente.

Cattivi !

Leave a comment

Oggi Pizzata.

Ho già sicuramente scritto questo preambolo; ogni tanto mi parte il trip della focaccia pizzata, in piazza Paolo Da Novi c’è un forno che la fa benissimo. Le signore al banco sono cortesi ma genovesi, dunque bisogna fare pochi salamelecchi, parlare chiaro senza perdere tempo, sorridenti ma senza smancerie. Quando avevo chiesto la focaccia pizzata un po’ di tempo fa, una commessa mi aveva detto “ce l’ho anche secca”. Io le avevo risposto qualcosa tipo “mi dispiace non so cosa dirle, comunque prenderei quella” ed avevo additato la pizzata tradizionale, quella pericolosissima che se non stai attento ti cola sui pantaloni, calze, scarpe e poi perfora il suolo come l’acido del mostro in Alien. Lei non aveva risposto ma sospetto che non avesse pienamente colto l’allusione maldestra. Mi aveva lanciato una occhiata da incenerire un albero, il dubbio mi resta.

Oggi le ho chiesto 4 slerfe di focaccia pizzata e 4 slerfe di focaccia al formaggio. Le si è illuminato il volto. Il termine slerfa probabilmente è stato evocativo, le ha ricordato la sua infanzia quando giocava a fare la saldatrice e dava fuoco al salotto e sua madre le dava una slerfa e poi la chiudeva in cantina con mani e piedi legati. E poi le avrà ricordato la sua adolescenza, quando giocava a sadomaso e si faceva legare nel letto dall’amichetto che poi la prendeva a ceffoni picchiandola con un gatto morto.

Ogni sei mesi per lavoro partecipo ad una riunione che prima avveniva di persona, da due anni invece avviene on line. Solo dalla prossima, con la presunzione che saremo ancora vivi, chi vuole si può presentare a Milano per partecipare in carne & ossa. Ogni volta che partecipo mi domando a che pro, visto che la mia opinione conta meno di un picocazzo, questo però è un altro discorso.

Uno dei partecipanti vive e lavora ad Hong Kong ed il suo lavoro comprendeva frequenti viaggi all’estero. E’ stata convocata la prossima riunione. Lui ha risposto così.

Thanks. 19th Jan works for me although I will sadly still be imprisoned in Fortress Hong Kong and won’t be able to attend in person.

Regards

Anche leggere queste cose mi fa pensare ad un brutto sogno, qualcosa di surreale, un racconto distopico. A proposito, ho imparato il termine in USA ai tempi del primo anno di Trump, veniva spesso usato dalla stampa liberale per descrivere il suo governo. Mi sembra sia diventato di moda anche qui.

Una distopìa, o anche anti-utopiacontro-utopiautopia negativa o cacotopia[1], è una descrizione o rappresentazione di una realtà immaginaria del futuro, ma prevedibile sulla base di tendenze del presente percepite come altamente negative, in cui viene presagita un’esperienza di vita indesiderabile o spaventosa. Ponendosi in contrapposizione ad un’utopia, una distopia viene tipicamente prefigurata come l’appartenenza ad un’ipotetica società o ad un ipotetico mondo caratterizzati da alcune espressioni sociali o politiche opprimenti, spesso in concomitanza o in conseguenza di condizioni ambientali o tecnologiche pericolose, che sono state portate al loro limite estremo.” (Wikipedia)

Leave a comment

Combinazioni.

Ieri la caldaia ha smesso di funzionare. Pur facendo il reset suggerito nel libretto delle istruzioni, l’errore si ripresentava. Ovviamente si è guastata quando le previsioni del tempo indicano un repentino abbassamento delle temperature con neve a basse quote nei prossimi giorni. Panico: il freddo in casa viene a breve distanza dopo la salute nella classifica delle ansie che destabilizzano e rendono erratici i comportamenti di Miriam.

Questa mattina è venuto il tecnico. Il filtro che serve per deacidificare l’acqua di condensa si era intasato e come conseguenza si era verificato un accumulo di umidità nella camera di combustione, ciò aveva portato al fulminarsi della candeletta di accesione la quale restituiva un messaggio alla centralina che causava il blocco del funzionamento.

A Basaluzzo abbiamo una caldaia pressoche identica della stessa marca. Un malfunzionamento simile è stato diagnosticato dal tecnico di Novi Ligure e risolto in 15 minuti, oggi sono servite quasi due ore e continue lamentele ed imprecazioni.

Il tecnico di questa mattina infatti era un no-vax. Già indossava la mascherina portandola sul mento ed asseriva che gli facevano male le orecchie. Io non lo avevo intuito, ma Miriam è stata più diretta e glielo ha chiesto. Il tipo ha risposto “se le dicessi che non ho fatto il vaccino lei cosa farebbe ?” e si è lamentato che deve fare il tampone ogni 48 ore. Un suo amico lo scorso marzo ha fatto il vaccino e dopo una settimana è morto. Quando le big pharma saranno contente dei propri guadagni, smetteranno di far fare i vaccini. Miriam è diventata di tutti i colori, lo avrebbe aggredito e non solo verbalmente ma ha scelto di andarsene.

Io mi sono trattenuto dal commentare, intanto perchè come ho già detto è perfettamente inutile discutere con chi crede nel complotto dei vaccini, ma soprattutto perchè ci doveva riparare la cazzo di caldaia.

Cosa si può rispondere ad una persona che ti dice apertamente che non ha fatto e non farà mai il vaccino ? Alla luce della impossibilità di trovare un linguaggio comune, direi che la si può mettere sul banale.

Leave a comment

La Terza Dose.

Trama di un film di fantascienza; il mondo è stato colpito da una epidemia che ha ucciso milioni di persone, messo in crisi i sistemi sanitari di tutti i paesi, azzerato le economie, messo per strada milioni di lavoratori, costretto nazioni intere a chiudere i propri cittadini nelle case senza poter uscire per mesi. La popolazione costretta ad indossare mascherine per proteggersi anche all’aperto, sempre. Locali pubblici chiusi, file di ambulanze, pazienti deceduti nelle corsie degli ospedali, convogli militari per trasportare le bare. Dopo un anno sono arrivati i vaccini. Sono stati allestiti centri di vaccinazione di massa. Per poter accedere al vaccini le regioni hanno aperto dei siti web dove ci si deve iscrivere per ottenere un vaccino che serve per proteggere dai possibili effetti nefasti del virus che ha stravolto la vita del pianeta.

Fino al dicembre 2019 questo si sarebbe potuto leggere nella trama di un B-movie di fantascienza, non saprei come farci entrare gli omini verdi, qualche modo ci dev’essere. Oggi si sono aperte le prenotazioni per i cittadini la cui età è compresa tra i 40 ed i 59 anni. Miriam era in fibrillazione. Io non ero assolutamente tranquillo; decenni di malasanità ed uffici pubblici che funzionano alla belin di cane non danno la tranquillità che il servizio on line funzioni sempre. Quando mi sono messo in coda per Miriam, c’erano già 300 besughi in attesa. Attesa durata un paio di minuti e poi ho prenotato. Il “sistema” funziona, questo ultimo dettaglio è ancora più fantascientifico. Tutto il resto è credibile, ma che la regione abbia un sito web che funziona, nemmeno Asimov avrebbe avuto il coraggio di un simile azzardo letterario.

Ho sempre pensato che lo stemma della Liguria fosse la silouette della regione messo sottosopra, perchè originariamente la Liguria ha la forma di una smorfia di incazzatura o dolore o tristezza. Mi sembrava una forzatura, come cambiare una faccia incazzata in una sorridente con un sotterfugio infantile e non credibile. Guardandolo bene però mi sono reso conto che invece lo stemma assomiglia ad una barca a vela. Le quattro frecce sono le province, lo scafo è si la Ligura rovesciata ma solo incidentalmente, quello è lo scafo, c’è perfino l’albero maestro al quale è attaccata la vela. Non so perchè sia stato scelto un colore così anonimo per l’opera morta della nave, ma direi che questo è un particolare trascurabile.

2 Comments

Le 4 Carpe.

Era da qualche tempo che non riuscivo a cogliere le 4 Koi insieme in una foto della Webcam. L’evento non serve a stemperare il mio generale senso di sconfitta esistenziale, neppure mi aiuta a diminuire il mio desiderio di urlare “sceeeeeeemi” ai miei concittadini in coda dalla farmacia che ho sotto l’ufficio. Perchè il vaccino contiene PbSO4 in quantità tali da produrre una batteria per autocarro.

Leave a comment

Sequanza.

Sequanza è una di quelle parole che io scrivo sistematicamente sulla tastiera e poi devo tornare indietro e correggere in sequenza. Come “distinti slauti”. Comunque il tramonto genovese oggi è stato notevole, serie di foto della webcam di casa a Genova.

Questa ultima foto della sequanza è la prova che Mobotix in condizioni particolari non sa che cazzo fare.

Parlando di cose importanti, adesso tocca al Platano mostrare i colori autunnali.

Adesso è colorato, tra qualche giorno inizierà a perdere le foglie. Questo albero ha subito ben 2 attacchi da rodilegno rossi, insetti del belino la cui esistenza ed il cui ruolo nel sistema ecologico per me sembra una stronzata.

Il palo che sorreggeva gli alimentatori per i pennuti è marcito alla base lo scorso inverno. Ho quasi terminato l’allestimento del nuovo palo, intanto ho acquistato 10 kg. di semi di girasole ed uno sgarbelletto costato €3.10 che serve per motivi tecnici troppo complicati da spiegare e poi sticazzi in salmì. A breve la collocazione del palo ed annessi semini per le cinciallegre. Ci sono teorie secondo le quali i bird feeders sono una forzatura anti-ecologica perchè disabituano i pennuti a cercare il proprio cibo e bla bla bla. Ma andate a cagare.

Leave a comment