Prima e dopo.

Circa 160.000 litri di acqua, la Pozzanghera non è piena a tappo ma è ad un buon livello.

Questo evento mi spinge a ripetere una considerazione che ho già espresso in occasione di un precedente rabbocco. Ho il fondato sospetto che ad una analisi critica potrebbe emergere il fatto che la Pozzanghera è una solenne cazzata. Anche perchè la situazione climatica del buco alessandrino è in netto peggioramento, ed è un fatto che si, rientra nel quadro generale planetario ma in forma accentuata e nello specifico nelle aree pedemontane sottovento rispetto alle correnti zonali temperate. Il Mediterraneo si sta surriscaldando ed il basso Piemonte in modo particolare. Se non ci fossero le carpe lascerei che la Pozzanghera si seccasse completamente, in fondo se questo è il quadro ambientale della zona, il riempimento con autobotte è una forzatura. Ma cosa posso fare con le Carpe ? Catturarle e regalarle a qualche allevamento ? Chissà se devo iniziare a pensarci; in fin dei conti, io vivrò molto meno delle mie Carpe, e loro morirebbero l’estate successiva a quando morirò io. Mi fa piacere sapere che le carpe sono contente nella Pozzanghera, ma forse dovrei iniziare a pensare al loro futuro senza di me.

Le foglie delle ninfee sono state inizialmente sommerse ma la mattina dopo sono riemerse, evidentemente ci sono meccanismi dinamici molto sofisticati che richiedono un po’ di tempo per manifestarsi. Ho visto le Carpe nuotare molto più vivacemente dopo il rabbocco, voglio credere per la gioia di trovarsi in tanta acqua fresca, ma molto più probabilmente l’acqua del rabbocco contiene tracce di cocaina che arrivano dai consumi smisurati degli abitanti che vivono a monte delle falde acquifere. E’ noto che lo spartiacque padano della provincia di Alessandria è un luogo di perdizione, alti consumi di sostanze psicotrope, dicono di no ma le Carpe della Pozzanghera raccontano una storia diversa.

Ecco la lista dei paesi dai quali NON si può andare in USA. (elenco copiato dal sito del CDC americano.

China
Iran
European Schengen area (Austria, Belgium, Czech Republic, Denmark, Estonia, Finland, France, Germany, Greece, Hungary, Iceland, Italy, Latvia, Liechtenstein, Lithuania, Luxembourg, Malta, Netherlands, Norway, Poland, Portugal, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland, Monaco, San Marino, Vatican City)
United Kingdom (England, Scotland, Wales, Northern Ireland)
Republic of Ireland
Brazil
South Africa
India

Più passa il tempo, e più mi sembra proprio che la lista sia stata scritta da un bambino che ha messo i cattivi in ordine di antipatia. Cina ed Iran sono i più cattivi, seguiti dai traditori europei di Shengen, poi il Brasile il Sud Africa e l’India. Nella lista non ci sono paesi come la Russia e la Romania, dove a sentire le notizie sono impestati ben più di noi. Non c’è lo Sri Lanka attualmente in lock down. Tutto il Far East, il centro America, non mi sembra che stiano così bene, anche perchè i vaccini li vedono con il contagocce. Boh, mi sbaglio sicuramente, ci saranno solide ragioni che però a me in questo preciso istante sfuggono come fossero gas rari.

Leave a comment

Altro rabbocco della Pozzanghera.

E’ la prima volta che durante un periodo estivo c’è bisogno di fare un secondo rabbocco di acqua nella Pozzanghera. Il primo è durato un mese e qualche giorno, ma dopo un Agosto ed una prima decade di Settembre caratterizzati da siccità da record e da un caldo da record, ecco che il secondo intervento si è reso necessario.

Ho assistito ai primi tre viaggi, domani altri 7 per poter arrivare ad un buon livello. Ogni viaggio consiste in circa 16.500 litri di acqua, l’ho chiesto al ragazzo, imprenditore agricolo da qualche generazione, quanto porta la cisterna.

La cisterna fortunatamente si è liberata perchè in queste ultime settimane era impegnata a concimare i terreni prima dell’aratura autunnale. In altri termini, invece di spruzzare acqua di pozzo, spruzza merda liquida. In questi giorni se il vento viene dalla parte sbagliata, si ha come la sensazione di avere il naso inserito in profondità nel buco del sedere di una vacca. Sono certo che ci sono persone alle quali la sensazione può piacere, a me no. E, se devo dirla tutta, anche il primo carico di acqua era accompagnato da un sottofondo di odore inequivocabile, non forte, ma presente. “Ho pulito la cisterna prima di fare il primo viaggio” ma forse qualche cosa è rimasto nei tubi e nella pompa, chissà se le Carpe apprezzeranno questa ventata autunnale. E se mi si eutrofizza la Pozzanghera ? Ma no, tutta roba sana.

Leave a comment

Martedì 11 Settembre 1984.

Più o meno a quest’ora io ero probabilmente al 99mo piano della Torre Nord del World Trade Center, perchè ho lavorato li per un annetto. Abitavo in Time Square, allora un posto quasi malfamato, prendevo il treno ed arrivavo nella stazione sotto le torri, poi salivo nella lobby, prendevo l’ascensore espresso che andava direttamente al novantesimo piano, poi il locale fino al 99. Lavoravo per la Kerr Steamship Corporation.

Nel 2001 invece il pomeriggio del 11 settembre ero in ufficio a Genova e qualcuno si affacciò alla porta del mio ufficio e mi disse “vieni a vedere”. Erano tutti ammutoliti di fronte alle immagini di un televisore. Verificai che la Kerr si era trasferita da qualche tempo nel New Jersey.

Sono passati vent’anni e nel frattempo nel mondo sono morte milioni di persone per mano violenta di terrorismo, guerre, bande di guerriglia, repressione, genocidi, religione, delinquenza organizzata e casuale. E non riesco ancora a vedere documentari, testimonianze, racconti ed immagini di quelle ore a New York. Sono entrato nel museo-memorial una decina di anni fa perchè ero con amici che lo volevano visitare, l’ho percorso a passo affrettato senza guardare gli orrori appesi alle pareti, esposti nelle bacheche, sono uscito quasi di corsa dalla porta alla fine del percorso guidato e non penso ci entrerò mai più. Non ho altro da dire.

Leave a comment

Nota di colore.

Questo è quanto di più vicino al ricordo che ho della tapparella della mia infanzia. Ho preso la foto del lavoro di Lombardo e con un editor l’ho modificato. Fantasticavo a lungo su questi disegni che vedevo nel buio della stanza e poi mi addormentavo, meglio dello Zanax ed il Tavor combinati. Le luci che filtravano tra le assicine della tapparella erano quelle dei lampioni giù in strada, nel caso non lo avessi già detto innumerevoli volte.

Emocromo completo più piastrine -Globuli bianchi -Globuli rossi -Emoglobina -Emoglobina glicata -Ematocrito -Volume globulare medio MCV -Emoglobina glob.media MCH -Conc. Emoglobinica MCHC -Indice dispers. Eritrociti RDW Formula leucocitaria -Neutrofili -Eosinofili -Basofili-Linfociti-Monociti Piastrine-Volume piastrinico medio MPV VES Dosaggio proteina C reattiva Glucosio Azoto ureico Creatinina Acido urico Colesterolo totale -Colesterolo HDL e fattori di rischio -Colesterolo LDL Trigliceridi Bilirubina frazionata -Bilirubina totale -Bilirubina diretta -Bilirubina indiretta Ferro Proteine totali Sodio Potassio Calcio Cloro Transaminasi AST Transaminasi ALT Gamma GT Fosfatasi alcalina CPK LDH Dosaggio Immunoglobuline -Dosaggio IGG -Dosaggio IGA -Dosaggio IGM TSH FT3 FT4 Ferritina Antigene prostatico specifico HS PSA P.Rist-dos. IGE totali Elettroforesi delle sieroproteine Vitamina D Esame delle urine completo Colore Aspetto Densità Reazione Proteine Glucosio Acetone Urobilinogeno Pigmenti biliari Sali biliari Emoglobina Nitriti Esame microscopico -Emazie -Leucociti -Cellule basse vie -Cellule pelvi renali -Cilindri -Cristalli -Flora batterica -Filamenti di muco

Domattina Miriam ed io andiamo a fare le analisi del sangue e delle urine. Sveglia alle prime luci dell’alba, l’elenco è deciso da lei in base al suo expertise di anni di analisi. Non credo manchi nulla, lo scibile umano del sangue è racchiuso in queste voci. Ad eccezione dei marker tumorali, non compresi in questo elenco, salvo il mio PSA che è il coronamento del dito nel culo di due mesi fa.

Leave a comment

Cento e sessanta, più spiccioli.

Miriam, nel quadro delle sue ricerche su “qualcosa che alimenti l’ansia” mi ha fatto fare il sierologico per vedere un numero da giocare al Lotto. Nasce la discussione su “oddio sono pochi” ma in realtà per come la vedo io, e come se tornassi a scuola dove l’obiettivo era prendere la sufficienza, mi basta essere sopra 5, poi qualcosa sarà.

Miriam ha 280, ma non riesco a cavarle qualche briciola di commento positivo, ha confessato di sperare di averne 1.000.

Sono stato a Rocca Grimalda per vedere una mostra di quadri. Esponeva un artista a tempo perso, ovvero un architetto che però ha una vena artistica e compone lavori usando una tecnica particolare. Questa è una griglia di ferro che lui immerge in malta da costruzione, poi non so cosa ingallina ed il risultato è quello nella foto (dettaglio).

Io non sono assolutamente del settore e non distinguo due quadri uno dall’altro, ma talvolta mi capita di restare colpito da qualcosa. Una sottile trama autistica ed un ricordo infantile che improvvisamente affiora ed ho acquistato questo quadro, 50×50.

Quand’ero bambino dormivo in una stanza che aveva le tapparelle alla finestra. Quando di sera la tapparella era chiusa, filtrava comunque della luce tra le stecche, allora di legno e pluripitturate, il tutto aveva l’effetto di tante lucine messe casualmente in righe ordinate. Alcuni punti rotondi, altri più allungati. Ci vedevo sopratutto treni che correvano lontani, ma anche stelle, segnali, linguaggi antichi, codici. Era la mia ninna nanna.

La vista di questo lavoro mi ha innescato un neurone che è andato in giro per il mio cervello sempre più desolato ed ha trovato il banco di memoria dove è ancora conservato questo ricordo di circa 50 anni fa.

Non posso non citare il nome dell’architetto/artista; Piero Enrico Lombardo che ringrazio per l’emozione che mi ha causato. Il suo lavoro pesa due tonnellate e rischia di tirarmi giù una parete di casa, ma ne vale assolutamente la pena.

Leave a comment

Tra 132 ore.

I modelli di previsione GFS vedono una perturbazione atlantica che, non senza fatica, entrerebbe nel Mediterraneo Centrale tra 132 ore. Potrebbe così iniziare una fase piovosa da queste parti, seguirebbero altri impulsi nei giorni successivi. Affidabilità delle previsioni a 132 ore ? Scarse, tendenti al molto scarse con locali ritrattazioni totali. Facilmente ci saranno dei ritardi, almeno altre 48 ore sulla tabella di marcia che si prevede con le elaborazioni di oggi. Non posso che aspettare.

NEL FRATTEMPO, ho risolto un bel problema. Orietta Berti direbbe che me ne restano mille, ma intanto portiamo a casa questo risultato.

Dopo aver risolto i miei problemi di colesterolo, impotenza, mal di schiena e diabete, adesso con questo nuovo metodo che mi arriva a mezzo e-mail posso cagare l’anima. Perchè il “massive relief” richiama visioni di gabinetti ricolmi di deiezioni di dimensioni spaventose.

Ovviamente mi vogliono vendere qualcosa, anche se apparentemente non propongono nulla dei sistemi tradizionali come diete medicine e clisteri. Mi sembra ci fosse un link su un video su Youtube, ma non ho controllato perchè probabilmente il link porta a qualche pataccata tremenda che mi intaserà il computer facendomi finire su una lista di costipati di tutto il mondo che lottano non tanto per andar di corpo ma per liberarsi degli spam ad argomento cacca o chissà cos’altro.

Parliamo di vaccini. Su Facebook una testata giornalistica riporta che a Genova nei prossimi tre giorni ci saranno manifestazioni CONTRO i vaccini ed il green pass.

I commenti di chi sostiene le manifestazioni sono numerosi. Alla stregua di come è inutile discutere con chi ritiene che la terra sia piatta, non ho voglia di contestare le affermazioni dei no-vax. Però con questo tizio ho interagito.

Ho oscurato il suo avatar e le sue generalità per ovvie ragioni di riservatezza.

Mi sono pentito, forse avrei dovuto scrivere 600 milioni di morti e due miliardi di reazioni avverse gravi. Stavo anche per elencare alcune tra le reazioni più terribili alla somministrazione del vaccino, come la crescita di squame e di protuberanze simili ad artigli lungo la schiena, ma non avendo fonti certe come lo è l’autorevole COMILVA, mi sono trattenuto. I “likes” ai miei commenti sono proprio i suoi.

Leave a comment

Due foto intime.

Ma inizierei parlando del servizio EOLO che alimenta la webcam di Sauze. Verso le 12 la linea dati si interrompe. Me ne accorgo verso le 12:25, chiamo il servizio clienti telefonico. Tra le varie opzioni mi chiede se mi va bene parlare con una persona che mi chiama fuori dalla Comunità Europea. Mi immagino di dover interagire con un indiano che parla come Peter Sellers nel film “The Party”. Non ho capito cosa devo fare per parlare con un italiano DOC, ma comunque non importa, ed infatti vengo messo in contatto con un’operatrice che mi parla dall’Albania.

Mi dice che, secondo il suo computer, sembra tutto in ordine e mi suggerisce di staccare l’elimentatore della parabola, aspettare un minuto, riaccendere ed aspettare 15 minuti. Se a quel punto il servizio non è ripreso, chiamare nuovamente.

Intanto dopo 3 minuti mi arriva la seguente e-mail da Eolo;

A seguito delle verifiche tecniche effettuate ti informiamo che l’antenna EOLO non risulta raggiungibile da remoto.
Abbiamo provato ad eseguire alcune operazioni ma dobbiamo chiederti di aiutarci.
Dovrai provare a riavviare elettricamente l’impianto EOLO scollegando e ricollegando la presa di corrente dell’alimentatore dell’antenna.
L’alimentatore è uno scatolotto nero di circa 15/20cm dove viene collegato un cavo che va verso l’antenna posizionata all’esterno.
Una volta scollegato attendi circa 1 minuti prima di ricollegarlo alla corrente e poi la linea dovrebbe ripartire dopo circa 15 minuti.
Se così non fosse rispondi a questa mail confermandoci di aver eseguito questa prova e noi provvederemo a continuare con i nostri controlli e ti terremo aggiornato.
Restiamo a tua disposizione,
Il Team EOLO

Vengo preso da altre faccende e mi dimentico di chiedere aiuto ad una persona che potrebbe andare in casa e fare lo spegni-riaccendi che guarisce il mondo.

Ma tra le 15 e le 16 il servizio riparte da solo e la webcam può riaggiornare le immagini.

Allora non capisco; mi dicono implicitamente che non è colpa loro ma che sono io che devo fare una manovra per far ripartire il sistema. Io però non faccio nulla ed il sistema riparte da solo. Ma allora avete fatto voi qualcosa, forse spargere polvere di corno di bisonte, recitare qualche preghiera illimana, avete staccato voi la spina da qualche parte, non certo a casa mia.

Ho messo il tubo in gola che viene dopo il dito nel culo, ma prima del tubo nel culo. Le due disgustose immagini valgono però molto di più di una banale dick pic. Potrei dire delle cazzate, ma mi sembra che la foto in alto mostri il duodeno, quella in basso mostra il fondo dello stomaco. Il fondo dello stomaco è la parte in alto dello stomaco, tanto per confondere le idee. Si intravvede anche il tubo nero della sonda che esce dall’esofago in alto. Praticamente è un selfie dell’endoscopio. Non è la prima volta che metto qui le foto delle mie gastroscopie annuali, probabilmente dico le stesse identiche stupidaggini. Ma ormai è una tradizione come il Natale, con data flottante da destinarsi.

Leave a comment

Due numeri facili

Secondo il servizio di statistiche di Aruba, questo Blog rappresenterebbe il 71% del totale delle visite al sito Stefanome.it. Ecco una approfondita ed esaustiva analisi dei dati.

  1. Il dato del Blog è inquietante, oltre 9.000 visite in 40 giorni. Secondo me i dati sono farlocchi e contano i numerosi tentativi di spam che vengono respinti da una APP che capisce se chi mi scrive è un programma o una persona. Ogni tanto qualche BOT riesce ad aggirare il controllo e mi arriva un messaggio di gente inesistente che mi invita a visitare un sito web che credo sia Bitcoin o roba si sesso. A parte queste sparute fuoriuscite, in molti ci provano ma vengono sgamati e respinti, il tentativo comunque fa scattare il contatore.
  2. Segue, benchè distaccatissimo, la webcam del Lido. Probabilmente molta gente vuole vedere se le bande di truzzi che frequentano i bar locali si prendono a catenate. Ne hanno parlato anche i giornali, omettendo che oltre alle bottiglie rotte i frequentatori abbandonano tra le auto parcheggiate grossi stronzi umani ed assorbenti femminili. Questi non si vedono nella webcam.
  3. Poi si piazza la webcam di Brignole, la gente vuole vedere se il Bisagno straripa portandosi via auto e panchine anche se Genova negli ultimi tre mesi ha visto ben poca pioggia.
  4. Si piazza al quarto posto la neonata webcam di Sauze di Cesana. 609 visite in totale rappresentano circa 15 visite al giorno, 14 sono le mie e dunque ci siamo.
  5. A seguire, le webcam di Basaluzzo con inserita la Foscam sperimentale di Brignole.
  6. Ultimo della classifica la pagina “Lascio Questo Forum” che è un reperto storico dei primi anni di forum di meteorologia, dove gli utenti che per qualche ragione se ne andavano arrabbiati o delusi o presi per il culo dalla comunità, erano invitati a compilare il relativo modulo. Ai tempi aveva avuto un certo seguito, mi domando chi ancora oggi lo visita.
Leave a comment

Continua inesorabile il seccume.

Aumentano anche i contagi COVID, ma non è chiaro chi se lo prende e chi muore. Io mi cullo nella sicurezza che mi da la vaccinazione. Non mi è ancora chiaro di quanto ho abbassato il rischio di morte dopo le due dosi di Astra maffo Zeneca, è ovvio che non l’ho ridotto a zero e che neppure avrei preteso la garanzia assoluta di immunità, ma a seconda dei neuroni impegnati da chi commenta sui media, c’è chi mi tranquillizza e chi al contrario mi assicura che prima o poi me lo faccio (il COVID) e che non dovrei (condizionale) finire in Terapia Intensiva.

Ho acquistato uno strumento a batteria che serve per far diventare le siepi a forma di parallelepipedo. Non avendo siepi, lo utilizzo infatti per restituire ordine e pulizia alle sponde della Pozzanghera. Così facendo spero anche di ridurre il consumo di acqua da parte della flora che cresce rigogliosa, rallentando il calo del livello. Negli ultimi giorni il pozzo butta circa 1.300 litri al giorno, non bastano per compensare i vari fenomeni che consumano acqua ma è meglio di niente.

Guardo sconsolato i modelli di previsione meteo che ad oltranza vedono configurazioni dove, in un modo o nell’altro, le precipitazioni saltano completamente le zone padane del NW d’Italia. Non è una cosa rara; ma se tu metti una cosa non rara dopo una prima cosa non rara, magari dopo un’altra cosa non rara, e fai succedere, a nastro, a catena, eventi non rari di seccume, alla fine ottieni una cosa che è sempre meno rara, ossia una siccità grave. Dopo la quarta o quinta rilettura del concetto, forse inizia ad essere comprensibile.

Leave a comment

Ultimo giorno d’Estate.

Ho pulito il pluviometro da insetti, polvere ed ora brilla giallognolo vicino ad un campo altrettanto giallognolo in attesa di pioggia vera. La prima perturbazione di Settembre nel succedersi dei run ha perso tutta la sua intensità, andrà dunque in frontolisi scaricando qualcosa sulla Francia sud occidentale e poi qualche briciola oltre le Alpi. Vaffanculo alla frontolisi; quand’ero adolescente le prime due o tre perturbazioni atlantiche che arrivavano a fine estate andavano regolarmente in frontolisi. Poi iniziava a piovere seriamente. Ma da qualche decennio, dopo il passaggio di una perturbazione atlantica risale prepotente l’alta pressione africana ed il conteggio riparte da zero, bisogna ricominciare da capo per aprire la porta alle correnti zonali atlantiche. Vaffanculo all’alta africana.

Qualche bel cumulo che – altrove – fa cadere qualche scroscio di pioggia. La foto fa cagare, dovrei girare con la macchina fotografica invece del telefono.

Anche questa fa cagare ed in più è simile ad altre che ho messo qui in precedenza. L’ho messa su Instagram ed ho ricevuto molti likes, incluso quello di una sconosciuta bellona con foto ammiccante nel profilo che credo sia una escort, ha iniziato a seguirmi. Il mio fascino latino unitamente alla mia impressionante abilità nel fare fotografie mi rende irresistibile.

Questo faggio rosso e pendulo messo in terra la scorsa primavera ha perso un po’ di foglie per il caldo, ma si sta portando avanti ed ha già i getti per la primavera 2022. Molti altri alberi stanno facendo lo stesso. Tigli e Carpini in primis, stanno perdendo molte foglie ma sotto si vedono le punte verdissime delle prossime foglie.

Facebook. Fanno benissimo ad esercitare dei controlli, ma gli algoritmi che leggono le parole e deducono che siano usate al fine di istigare violenza non comprendono l’ironia. Qualsiasi post che contenga le parole focaccia e girasole insieme non può che essere ironico. Non ricordo a chi mi riferivo, probabilmente ero su “Il Mugugno Genovese”.

Novità in campo medico. La solita farmacia canadese che regolarmente mi scrive invitandomi ad acquistare medicine on line mi fa scoprire nuovi orizzonti nel campo delle erezioni assistite. Oltre al Viagra Basic, ci sono le versioni Super Plus, Super Force e Professional. Le compagne di chi sperimenta le versioni rinforzate probabilmente restano senza fiato, infatti sia il Ventolin che Advair, farmaci anti asma, costano un botto. Miriam ogni tanto si spruzza il Ventolin perchè ha una forma lieve di asma, non certo per le mie prestazioni.

Leave a comment