Alcune immagini di Lunedì 19 Giugno 2017

Con il caldo sono tornati i ragni che fanno scattare il rilevatore di movimento della webcam in ufficio. Piccole creature che probabilmente mangiano i residui della mia pelle o del mio muco nasale che disperdo in ufficio. Passano la notte ad abbronzarsi sulle luci ai raggi infrarossi, di giorno dormono.

Sono stato qualche giorno in Corsica in concomitanza con l’unione europea dei gestori telefonici, ossia io spendo uguale in tutta Europa. Molto eccitante anche a bordo del traghetto di ritorno, salvo il fatto che a bordo c’era un gestore marittimo e dunque scaricare la posizione da Google Maps mi sarà costato più dell’intera vacanza.

Questa foto è stata scattata da mio cugino a Lisbona qualche tempo fa e me l’ha mandata perchè in effetti è graziosa e di conseguenza non posso ometterla.

Queste sono scialuppe di salvataggio del traghetto. Queste sembrano in condizione di servire a qualcosa, ma per molte altre scommetterei che in caso di emergenza, rimarrebbero immobili, inchiodate ai propri supporti perchè i meccanismi di sganciamento sono totalmente arrugginiti e/o coperti da più strati di vernice. La vernice è stata probabilmente applicata con scrupolo da personale dotato di un titolo di studio pari alla patente per giocare a biglie.

Questa è una foto di gruppo dell’ultimo matrimonio al quale sono stato invitato. Io sono al naturale, agli altri ho applicato una faccia di cazzo qualsiasi per proteggerli (privacy) Oh; ci fosse UNO che sa come si fa un nodo alla cravatta. Pare che invece nelle foto ufficiali ad essere photoscioppato sia stato io; se ciò si rivelasse veritiero, sarei incredulo ed offeso.

Leave a comment

Update Querce Central Park

Come se non bastassero. Ma questo ha lo scopo di mostrare il nuovo recinto di protezione, visto che dopo un anno di quasi totale immobilità, le quattro sembrerebbero aver inizato a crescere.

Altro argomento.

Temo che sarà un estate molto siccitosa dunque ho, per la prima volta, misurato quanta acqua da il pozzo.

Clicca

Intanto segnalo che la maglietta che indossavo è verde scura. Nella foto sembra marroncina. Provo disappunto nel vedere come i colori vengono smaronati dalla Mobotix. Lo sapevo, ma ogni volta che capita ci rimango male. Qui stavo guardando intensamente dentro il pozzo, la cui acqua si trova a circa 13 metri di profondità.

Orbene: ogni 20 minuti circa, la pompa ad immersione si avvia perchè il galleggiante così dice. Resta accesa per circa 30 secondi durante i quali tira su circa 40 litri di acqua. Sono 120 litri di acqua all’ora. Sono 2.880 litri al giorno, a spanne. Non è male, io non penso di consumare tre metri cubi di acqua al giorno, se non cambia il regime dovremmo avere acqua fino a Settembre, quando le innaffiature saranno molto ridotte e, si spera, pioverà un po’.

Leave a comment

Il mio primo tutorial sui Totani

Sono moderatamente soddisfatto del risultato finale. E’ da molto tempo che volevo produrre un documentario su come si puliscono i totani.

Leave a comment

Lunedi 12 Giugno

Temperature massime molto più alte della media, ma oggi si parla dei risultati del primo turno delle elezioni. Ovviamente enfatizzo e scherzo quando attribuisco al sesso il potere di calmare i nervi a tutti, ma se tanta gente che leggo su facebook avesse una vita sessuale gratificante, io credo che sarebbe meno furente, violenta ed incattivita. Ben mi guardo dallo scrivere qualcosa in questi scambi deliranti, sono già riuscito a fare incazzare un gruppo di meteorologi che se la prendono con la televisione ed i programmi spazzatura.

Oggi pomeriggio dovrebbe essere ripristinata la pompa del pozzo di Basaluzzo, bisogna però ancora calcolare quanta acqua dispensa, incrocio le dita. Sto perdendo due alberi messi a dimora lo scorso marzo e non so proprio cosa fare, probabilmente li ho messi troppo tardi, prima una botta di caldo a febbraio, poi il gelo di aprile. Insomma è molto più sicuro mettere gli alberi in piena terra a novembre. Per il resto ho la pressione bassa e la diarrea, sono cose che con il caldo vanno a braccetto. In inverno ho la pressione bassa ed il mal di testa. Nelle stagioni intermedie ho la pressione bassa, la diarrea ed il mal di testa.

Leave a comment

Ho votato per il prossimo sindaco.

Vorrei anche avere il diritto di prenderlo a schiaffi nel caso si scoprisse dopo un po’ che è dolosamente sotto le aspettative, ma mi devo accontentare di poterlo votare. Che poi non è mica poco, ci sono paesi dove non voti e ti prendi quello che l’oligarchia decide. Da noi le elezioni sono un po’ truccate, un po’ inutili ma almeno mi cullo nell’illusione di poter cambiare in meglio le cose.

 

Leave a comment

Tre, o meglio quattro lamentele.

Così se le metto insieme risparmio.

Prima invettiva. A Basaluzzo ci siamo giocati questa occasione per vedere un po’ di pioggia. L’irruzione fredda ha preso altrove ma noi siamo stati saltati. Domani arriva una ondata di caldo che durerà svariati giorni. Vaffanculo. Venderei tutto ed andrei in Scozia o in Canada. Per il momento da quelle parti mi sembra che piova ancora.

Seconda invettiva. Lo so che è una sciocchezza, non dovrebbe riguardarmi, i problemi sono altri – il clima il terrorismo e bla bla bla – ma NON riesco a NON irritarmi. Ormai lo fanno tutti: donne, uomini, giovani e anziani. In fondo non fanno male a nessuno, se decidono di guidare la moto o lo scooter con un cazzo di piede che sfiora l’asfalto, sono liberi di farlo. Però auguro lo stesso a questi CRETINI di sbattere il piede contro una batteria di un autocarro, persa poco prima del loro passaggio. Lo vedo come uno dei tanti segni negativi che tolgono la voglia di credere in una società migliore. Va bene, forse esagero. Però oggi un tizio vestito alla moda con il casco alla moda il maxiscooter alla moda con la marmitta rumorosa alla moda la barba incolta alla moda gli occhiali scuri alla moda probabilmente i tatuaggi alla moda il profumo alla moda ed il cielo sa cos’altro alla moda, ha percorso davanti a me via Assarotti in tutta la sua lunghezza con questo suo piedino di merda ad un centimetro dall’asfalto. Perchè la sua personalità burina, modaiola ed altrimenti svuotata di ogni spessore ha visto altri pirla come lui farlo, ed allora gli scatta la molla dell’emulazione a prescindere dal fatto che nessuno ha mai insegnato ad alcun motociclista a guidare con un piede del cazzo fuori dalle pedane, come se fosse utile in qualsivoglia maniera. Sappiatelo; è inutile ed anche pericoloso.

Terza invettiva. Qui ci vuole un contributo fotografico.

Righi, non lontano da dove abito. Un cassonetto per la raccolta della carta arriva da chissà dove. Non c’è mai stato e non avrebbe senso che stesse li, dunque non ce l’ha portato un cinghiale ma un essere umano colto da cretinismo temporaneo o permanente. E come segno di affinità, i bordi della strada sono circondati da cartacce ed altri rifiuti a base di carta e cartone. E’ li ormai da giorni e non so cosa fare. Chiamare l’AMIU o il Comune è come chiamare un ente Thailandese per la gestione dell’export di frutta. Ossia non capirebbero cosa gli dico, non potrebbe fregar loro meno di una sega, risponderebbero alla cazzo di cane, non muoverebbero un dito. Non sono prevenuto, mi è gia successo; forse, visto che siamo in clima pre-elettorale, l’opportunità politica promuoverebbe lo scontro improvviso di un paio di neuroni in surplus ed attivare qualche meccanismo utile al cittadino, ma non voglio provare. Allora chiamo il Secolo XXX o mando la foto. No, sarebbe utile come andare alla Guardia ed attaccare un ex-voto alla fermata dell’autobus.

Mi state tutti sulle balle, ve lo volevo dire.

Update sulla invettiva n° 3 (rumenta) datata 7 giugno. Questa mattina hanno ripulito per bene la strada e rimosso il cassonetto. Grazie a chi lo ha fatto, credo AMIU. Adesso bisogna solo aspettare che qualche altro stronzo fumante decida di ripetere la sua bravata, segno inequivocabile di un disagio che deriva da un sottosviluppo culturale definitivo.

Leave a comment

Lievi problemi tecnici su RC2

Talvolta la foto è assente. Ricompare facilmente dopo 10 minuti, ma resta il fatto che si è trattato di un errore di trasmissione. Il LOG mostra ripetuti tentativi andati a vuoto nel corso dei giorni precedenti. Ovviamente non ho idea di cosa possa essere anche se sospetto possa essere il cavo di rete che sente il peso degli anni. Anche la precedente M10 dava segni talvolta di restare isolata e forse realizzo che non era colpa sua. Poi è andata in modalità Andy Wharhol ed ora è nella sua scatola, non ho il coraggio di buttarla via.

Questa invece è la RC1 che ha anch’essa più anni del lupo ma che per il momento funziona egregiamente. Se, così affermando, mi sono tirato addosso una gufata e domani la RC1 esplode, peggio per me.

Leave a comment

Questa sera mi stordisco con…

Prokofiev, Danza dei cavalieri di Romeo e Giulietta. You Tube è amico. Prima la London Symphony Orchestra, poi un portoghese, poi un polacco, poi un russo alla BBC, infine Abbado con la mitica Berliner che, ai tempi dei dischi in vinile, mia madre ascoltava perchè negli anni 60 c’era solo quello. Abbado, forse quello che mi è piaciuto di più. Incredibile – per un profano come me – come i diversi direttori di orchestra interpretino in modo così diverso un identico spartito.

Questo è un veloce passaggio di Abbado. I tedeschi talvolta mi sembrano tirchi come pochi,  mettono on line solo degli estratti. Ti dicono che la versione completa è sul loro sito ed invece li, non c’è un beato cazzo.

Leave a comment

Alcune foto, belle però.

Perchè le ha scattate il Consulente Biologico con la sua nuova macchina fotografica.

Uno degli storni che hanno nidificato tra i coppi del tetto, tre metri sopra il letto dove dormire di mattina è, in questa stagione, difficile. Probabilmente sta cantando. E spero che i piccoli crescano in fretta e liberino il nido, così torna il silenzio,

Direi una farfalla, che sugge il nettare dei fiori di camomilla.

Un corvo o una cornacchia che si abbevera alla Pozzanghera. Si vedono anche: le piante acquatiche che stanno invadendo il mondo, alcune foglie di ninfea con un fiore.

Uno scoiattolo. Questa specie è autoctona di queste parti, dicono che stia soccombendo alla specie americana, importata e liberata senza pensare al fatto che è una specie dominante. L’ho letto davvero ma sospetto che possa essere una balla o una mezza balla.

Grano quasi maturo e dietro una striscia incolta dove prosperano le piante di camomilla.

Leave a comment

Update Querce ed altro.

Tralascio la Q1 che ormai è alta un paio di metri. Le altre 4 querce di Central Park, durante il loro primo anno di vita sono state praticamente ferme con pochi centimetri di sviluppo ed una manciata di foglioline. Adesso invece si vede qualche cenno di vitalità più marcata. Ecco le foto.

Q due

Q tre

Q quattro

Q cinque

Le foto sono ritoccate altrimenti non si vedeva un accidente. Dovrò rifare la protezione anti animali per dare più spazio alla crescita. Ma sticazzi.

Altro argomento. Ho provato a scrivere alcune righe sulle elezioni a Genova della prossima settimana. Le righe sono diventate tante, troppe. Ho riletto e mi sono accorto di aver scritto delle banalità inutili, delle cagate. Ma ho le mie idee e sto pensando di mandare in black out le righicam a seconda dei risultati. O mettere qualche immagine in sovraimpressione per rendere le fotografie grottesche e inguardabili. Oppure no, me ne batto il belino, intanto non ho figli e negli anni a venire conto di passare lontano da Genova sempre più tempo possibile.

Il mio messaggio politico infine è racchiuso in questa chicca che ho rubato on line. E’ il messaggio che mando ad una abbondante quota degli amministratori di Genova degli ultimi tre decenni. E a chi li continua a votare perchè convinti che va bene così.

 

Leave a comment