Bryant Park.

Il mercatino di Natale in quella che io considero la piú bella piazza, il piú incredibile luogo alberato di Manhattan tra enormi grattacieli. Vabbé, opinioni.

Pista di pattinaggio su ghiaccio. Artigiani e cibo. Ogni anno il tradizionale Hot Cider che bevo solo li e la tradizionale manifestazione di intenti, mai messa in pratica, di prendere la Raclette in una baracchetta non lontana da quella dove vendono arancini di riso ed un’altra che vanta autentici panini toscani “come li faceva la mia nonna”.

Il primo acquisto, $25 circa, da un artista che crea questi quadretti con mostriciattoli colorati, aka Critters. Questo é un Moxie, metá gatto e metá volpe. Ne avrei comperati altri 10. https://www.kudu-lah.com/ vende anche fotografie di New York, ad esempio nella metropolitana, sulle quali ha riportato questi Critters in maniera brillante.

In un casotto vicino, un altra ditta di artigiani americani/giapponesi, costruisce e vende queste cose, di tutte le forme e dimensioni, questo in specifico $40. Solo per gli amanti del genere che possono riconoscere di cosa si tratta al volo, altrimenti sembra giusto un pezzo di ferro dalla forma strana. Costruito con scarti di metallo tra cui parti di motocicletta. https://www.metalpark.org/index.html

This entry was posted in All possible crap. Bookmark the permalink.

2 Responses to Bryant Park.

  1. Roberto says:

    E’ senz’altro un caccia delle armate della Morte Nera di Star Wars.

Leave a Reply

Your email address will not be published.