Tre foto del lunedì

Interno di Cucina Basaluzzese con nuova crepa nel muro. ( Nota bene; ho già detto le stesse cose qualche tempo fa). La casa intera si sta riempendo di crepe. In tutta la zona le case si riempono di crepe. Le crepe si formano sui muri esterni & sui muri interni. La causa è nota; visto che piove sempre meno, la terra perde l’umidità, le falde acquifere perdono pressione ed hanno sempre meno acqua. Il terreno si ritira, si compatta e scende di livello, dunque le case si riempono di crepe. Sono convinto che ci sia qualche stronzo che direbbe che è già successo nel medioevo, aveva un cugino discendente di un notabile che vide crepe sul suo importante palazzo, la cosa venne tramandata oralmente da generazione a generazione. Insomma è un ciclo, tutto normale. I negazionisti si trincerano dietro ad una ciclicità del clima che è solo nelle loro teste bacate.

Questa notte sono caduti 3.4 millimetri di pioggia, la temperatura questa mattina era di 8.8° centigradi. Io saluto le temperature normali e gli scrosci di pioggia, anche se i millimetri caduti sono il 10% di quelli che avrei preferito cadessero. Lo dico per evidenziare come io sia sempre meno soddisfatto del clima di Basaluzzo e del buco infernale che lo circonda. Probabilmente dovrei emigrare in un luogo più piovoso, dove d’inverno cade un metro di neve, così non rompo più i coglioni.

Il Dawn Redwood. Questo sembra crescere, mentre gli altri due californiani sono belli verdi ma non hanno guadagnato quasi nulla in altezza da quando li ho messi in terra. A proposito; è seccato il giovine castagno. Non so come mai, l’ho trovato giallo e cadavere, eppure il terreno veniva regolarmente irrigato dalla gocciolante. E’ il secondo che mi muore così, giovane ed offeso da chissà cosa. Forse la zona non è adeguata ai castagni ? Non diventerò mai produttore di Marrons Glacé ?

Anche a Genova la temperatura è tornata nella norma del periodo. Comprendo la delusione dei burini motorizzati. Mi riferisco a quella quota fisiologica di possessori di maxi-scooters che oltre a guidare tenendo il fottuto piede a strisciar l’asfalto, in estate dispiegano al massimo il loro essere tazzorri indossando dei cazzo di pantaloni detti pinocchietto, t-shirt di pessimo gusto e scarpe sportive alla moda. Costoro in questi giorni devono iniziare a coprire le gambacce tatuate e pelose con pantaloni lunghi, e magari mettersi una giacca che in genere non può raggiungere i livelli di burinaggine delle magliette estive.

This entry was posted in All possible crap. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published.