Estate arrivata.

In pochi giorni si è passati dalla tarda primavera all’estate. Non fa affatto caldo, ma è sereno ed il sole è quello che ustiona. Il prato sta cambiando aspetto; molte piante stagionali seccano naturalmente, i fiori sono diminuiti rispetto ad una settimana fa, compare prepotentemente la gramigna che ben presto diventerà una delle poche erbe che restano verdi. Fatta questa premessa inutile, banale e scontata, ecco l’argomento del giorno. I Crop Circle.

Questo a sinistra è il paletto che corrisponde al centro del cerchio. Sopra il paletto c’è un chiodo con attoricigliato fil di ferro al quale è fissata la corda lunga 18 metri. Successivamente verrà percorso il cerchio tenendo tesa la corda e, insomma, ogni due metri si fanno i buchi e si mettono i paletti della staccionata e sticazzi non c’è bisogno di dilungarsi in spiegazioni.

Vorrei evidenziare il meccanismo che è davvero un trattato di tapullo applicato però funziona perfettamente.

Il Crop Circle di Basaluzzo. Questo ha un diametro di 36 metri, per una circonferenza di 113 ed una superficie di 1000 metri quadri. Lo dice Google Earth ma non ho calcolato alla vecchia maniera usando la geometria con il Pi Greco che non so neppure come trovare sulla tastiera, so che è 3 e 14 ma poi basta. Ci vorrebbe il drone, ma la batteria è morta e non ne ho di ricambio.

Per tracciare il tracciato rotondo dove verrà la staccionata, ho usato la falciatrice. I disegni di Nazca sono stati fatti con la stessa tecnica ma moltiplicati per 10.000 e senza la falciatrice. Magari qualche pilota di ultraleggero sorvolando la zona pensa di aver fatto uno scoop mondiale e scatta una foto. Il partito degli “analfabeti funzionali” si mette in moto e mi trovo decine di persone che saltellano eccitate sul prato recitando preghiere ancestrali ed invocando chissà quale divinità.

A pochi metri di distanza, una Carpa Koi canta una canzone dialettale.

Clicca
This entry was posted in All possible crap. Bookmark the permalink.

2 Responses to Estate arrivata.

  1. A says:

    A proposito del Crop Circle di Basaluzzo, leggendo il tuo articolo, mi sono ricordato dei cerchi nel grano e gli extra terrestri. Lo so è una idea malsana la mia e non vorrei mai leggere in internet di “Cerchi su un prato di Basaluzzo” presumibilmente fatti dagli extra terrestri. Sto scherzando naturalmente e non vorrei suscitare delle strane idee. Saluti.

    • admin says:

      E’un timore che ho avuto anch’io. Qui vicino c’è l’aeroporto intercomunale di Francavilla Bisio dal quale decollano un banda di appassionati del volo fai da te e molti passano proprio sopra casa. Da qui ad eccitare gli scalmanati seguaci di Kolosimo la strada non è lunghissima.

Leave a Reply

Your email address will not be published.