La Zona Verde Circostante.

Anche ZVC. Dopo la settimana più calda da 70 anni, ecco come stanno le cose.

Dawn Redwood

Meglio di quanto potessi presumere dopo i precedenti giorni infuocati. C’è umidità nell’aria, tanto che in prima mattina l’erba è bagnaticcia. Agli umani rende la vita ancor peggiore, ma chissenefrega, che sudino pure e si lamentino fino a consumarsi. L’umidità impedisce al terreno di seccarsi troppo. Speriamo duri più del caldo.

Arpa Piemonte ha cambiato sistema di visualizzazione dei dati delle proprie stazioni meteo. A me piaceva più com’era prima, ma se questa è l’evoluzione della specie, nessuno si può opporre.

Sono morte almeno 3 roveri tra quelle messe a dimora negli ultimi mesi. O sbaglio qualcosa io, sia nella messa a dimora che nell’irrigazione, oppure le piante da questo fornitore sono troppo tirate in vaso e quando vengono messe nel terreno patiscono. Propenderei per questa seconda ipotesi.

Il resto delle piante sembra godere di buona salute. Sono irrigate periodicamente e pare che il caldo sebbene estremo faccia loro bene. Il livello della Pozzanghera è sceso di circa 30 centimetri, ma avevo deviato il flusso di acqua dal nuovo pozzo alla cisterna per paura di consumare le scorte, adesso però ho ripristinato l’alimentazione e la discesa dovrebbe fermarsi.

Le tre “californiane” sono in buone condizioni e crescono, soprattutto il Dawn Redwood che tra poco credo sorpasserà l’altezza del recinto.

Questa mattina al risveglio prima che il sole sorgesse c’era una quantità di cinguettii notevole, tanto che l’ho notata, appunto.

Mi ero appuntato mentalmente alcune ulteriori annotazioni alla cazzo ma me le sono dimenticate, la mia materia grigia si ritira non meno dei miei testicoli e senza doverla immergere nell’acqua fredda.

This entry was posted in All possible crap. Bookmark the permalink.

2 Responses to La Zona Verde Circostante.

  1. Anonymous says:

    “Sono morte almeno 3 roveri tra quelle messe a dimora negli ultimi mesi.”
    Potrebbe essere anche un non pessimo risultato, tre roveri su quante messe a dimora?

    • admin says:

      Si, hai ragione, detto così non vuol dir molto. Le roveri messe a dimora ad Aprile sono 10. Il 30% di decessi secondo me non va bene perchè sono piante in vaso alte anche 4 metri. Costavano molto poco rispetto ad altre della stessa altezza, dunque sospetto che siano state in vaso per anni e anni e che nessuno le voleva. E poi abbiamo fatto un errore quando le abbiamo interrate. Forse piante così “vecchie” e rinvasate così poche volte hanno le radici troppo poco sviluppate e soprattutto abituate ad avere acqua in abbondanza, sempre. Messe in terreno e dunque non irrigate come in un vivaio, succede qualcosa che non permette alla pianta di vivere per più di qualche settimana. Bisogna fare qualcosa di preparatorio, tieni conto che il buco che scaviamo è ben più grosso del blocco di terra della pianta, intorno mettiamo terra esistente mischiata con terriccio da rinvaso. Ma facciamo qualche errore.

Leave a Reply

Your email address will not be published.