Ostro Novese

Sono certo di aver già scritto le cose che sto per scrivere. Mi sto rincoglionendo ma non importa. Il vento dominante di Basaluzzo credo sia l’Ostro, ossia sud pieno.

Viaggia tra brezza tesa e vento moderato, è più forte nelle ore diurne e specialmente pomeridiane, a volte però può soffiare anche di notte. Se soffia solo di giorno, è una termica, altrimenti, come oggi e nei prosimi giorni, è un catabatico causato dalla particolare posizione della bassa pressione che se lo mena insistentemente sulla Francia senza però entrare sul Mediterraneo centrale.

In realtà io ero andato a dormire con un cocktail di farmaci in corpo ed ho dormito per un’oretta ma poi mi sono svegliato per il male alla bocca. Pare che sia normale decorso post operatorio ma cazzo, appena mi corico non importa se mi sono bombato di antidolorifici, mi si infiamma la parte della bocca resa insensibile perchè il nervo mandibolare è fuori uso. Temporaneamente, mi viene detto. Però adesso è mezzanotte e sono al computer che scrivo cagate. Mi fa meno male ed ho sonno. Spengo questa trappola, salgo le scale al buio cercando di non inciampare, mi metto sotto le coperte e cerco di dormire. Mi risveglio dopo un’ora con un filo di bava che mi esce da un angolo della bocca e con un male cane. Intanto sono capitato a leggere un articolo riportato del Secolo XIX. L’articolo è scritto coi piedi, impreciso, supponente, esasperantemente fazioso. Peggio però è che molti miei concittadioti genovesi commentano alla cazzo di cane. Sono peggio dell’articolista. Parlano senza sapere, parlano per massimi sistemi e sono prevedibili, si sa già cosa stanno per dire, sembrano fatti con lo stampino dell’ideologia. In altre parole, sono dei coglioni. Vorrei poter schiacciare un bottone e trasferirli in un felice paese tropicale dove possono vivere di frutti esotici e bere Margherita tutto il giorno. Così non rompono più il cazzo a Genova.

This entry was posted in All possible crap. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published.