10.5 e pioggia.

Clicca

Odo gli echi delle lamentele, i pianti e le maledizioni di chi in questo fine settimana si aspettava nelle campagne novesi sole e temperature miti. E’ vero, siamo di alcuni gradi sotto la media, pochi per la verità, e piove spesso, ma nemmeno più di tanto rispetto alla media. Insomma, ma perchè rompete i coglioni ? Ci abituiamo velocemente al sole ed al caldo anche se fuori stagione, appena le temperature e la piovosità rientrano nei ranghi, pronti a scassare il cazzo.

Anche Miriam ha la tendenza a sottovalutare il valore della pioggia ed esprimere disappunto per le condizioni climatiche che lei ritiene avverse. Le ho rotto due volte il naso per convincerla della pochezza delle sue osservazioni, l’ho anche chiusa a chiave nel bagno, nutrendola con sottilette e prosciutto da sotto la porta per qualche giorno. Ma testarda e figlia unica com’è, non credo abbia cambiato opinione, tuttavia si trattiene dal lamentarsi.

A parte qualche corteccia mangiata dai caprioli e le giovani foglie di molte querce divorate da antipatici insetti arancioni a pallini neri, direi che il resto della vegetazione se la passa bene.

Gli alberi soprattutto si beano di questa umidità che impregna il terreno e consente alle radici di spingere laddove, quando la terra è secca, è impossibile progredire. Non accendo il camino A) perchè è una rottura di palle andare a prendere la legna B) perchè prima di scaldare la stanza devo consumare un metro cubo di legna e C) perchè affumico la casa per accenderlo.

E cosa dire del rumore della pioggia sul tetto ? Parimenti a trovarsi la mattina nel dormitorio delle modelle di Victoria Secret, il risveglio con il suono gentile delle gocce sui coppi è un toccasana per il mio buonumore. Ci sono anche gli storni, meno rispetto agli anni passati perchè facendo dei lavori sul tetto abbiamo precluso in buona misura la possibilità ai pennuti di nidificare. Cantano armoniosamente e saltellano facendo il rumore di due cani di grossa taglia che si azzuffano. Oggi polenta con capriolo, si, uno di quei cazzo di animali che abbaiano e mangiano le cortecce dei miei alberi.

Il pluviometro nuovo.
This entry was posted in All possible crap. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published.