Gabbiani.

Sul tetto di una casa vicina sono nati 2 piccoli di gabbiano. Uno dei due genitori staziona sempre in quella posizione. A volte arrivano altri gabbiani, forse sono parenti o amici. Noto anche che la mattina prima dell’alba i grandi diventano particolarmente loquaci, ossia gridano abbastanza e fanno quei versi caratteristici che si sentono ogni 30 secondi nei film girati in località marine, anche se di gabbiani non se ne vede neppure uno. Questo è quanto so della vita riproduttiva e sociale dei pennuti. Credo che abbiano una complessa vita di gruppo, si difendono tra di loro ed il gruppo difende tutti i piccoli della comunità.

Mentre la madre si è voltata verso di me e mi fissa, i piccoli non sono ancora abituati a vedere con due occhi ed allora mi guardano solo con uno. Con quello dalla parte opposta non mi vedono e non riescono a spiegarsi la cosa. Ho inventato, secondo me si facevano una corba di belini loro e non mi hanno neppure visto.

Il peccato originale.

Sono stato ad un battesimo ed ho risentito parlare, dopo tanto tempo, del peccato originale. Quand’ero bambino la cosa mi era sembrata plausibile. Oggi, a pensarci meglio, mi sembra che sia come l’ufficio delle entrate che ti fa un accertamento ancor prima di aver verificato la violazione, presumendo che comunque hai fatto qualcosa di sbagliato. Ti sanziona e dopo tocca a te dimostrare che non hai colpe. Alla fine, esasperato, patteggi l’importo della sanzione perchè sai che contro i potenti non puoi vincere, dunque ti conviene ammettere di aver peccato anche se sai che non è vero. Nemmeno cani e gatti nascono nel peccato, vengono si partoriti nel dolore come tutti, ma poi se sono fortunati non se la passano male e non devono chiedere scusa per cose che non hanno commesso.

Tre millimetri a Basaluzzo. Grazie, sono bene accetti e mi spiace per chi fa vino che invece di pioggia non ne vuole proprio sentire parlare. La pioggia, seppur non abbondante, inumidisce lo strato di terreno superiore aumentando la vita dell’umidità più in profondità dove ci sono le radici degli alberi. Anche questa me la sono inventata di sana pianta, comunque almeno all’erba fa bene.

Brutto episodio di lentezza di riflessi.

Immagine pescata da Internet. Devo fare una foto al mio. è uguale ma ha il roll-bar per venire incontro alla mia guida particolarmente sportiva.

L’altro ieri, tagliando l’erba del pratone con il trattore del 1963, ho visto una cosa bianca grossa e ci sono passato sopra con la trincia, facendo così a pezzi una bellissima loffa, fungo di una bontà strepitosa, ben più raro dei porcini. Mi sono dato del cretino perchè mentre le ruote anteriori del trattore passavano lasciandolo nel mezzo, sono schizzato in piedi sulla pedana, ho immediatamente capito cos’era ma ho reagito con una prontezza di riflessi annebbiata. Avrei potuto fermare il trattore, scendere e raccoglierlo. Invece l’ho fissato bovino mentre una buona parte dei neuroni che avrebbero potuto intervenire sono stati immobili a farsi mangiare il belino dalle mosche e così il fungo è andato in briciole. I am very disappointed.

This entry was posted in All possible crap. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published.