Relax

E’ come mi sento in questi minuti. Ho fatto le ultime cose in ufficio, sono ancora in ufficio ma posso rilassarmi. E’ stato un Dicembre ricco di ansie, ma il fatto di aver perfezionato alcune questioni contrattuali unitamente al fatto di essere in questo artefatto clima natalizio rende la cosa ancora più gradevole. O qualcosa del genere.

Ed ora alcuni elementi grammaticali.

  • Piove senpre
  • Mipoi fare unbonifico per lespeze
  • Ai ricevuto lafatura
  • Al cancelo erota la stacionata
  • Cuando sei abasaluzzo
  • Sono meno cincuie abasaluzzo
  • La luce in cucina lai lasciato te acezo

Questi sono gli SMS che mi manda il comandante delle truppe giardiniere rumene di assalto. Ossia la squadra di persone che si occupa di mantenere, incrementare e verificare lo stato di salute del verde intorno alla Pozzanghera.

Il ragazzo è arrivato in Italia una quindicina di anni fa attraversando la frontiera con la Francia a piedi, dormendo nei boschi. Ha raggiunto la sua comunità di expat nel novese. Non parlava una singola parola di italiano. E’ stato accolto e rifocillato, ha vissuto per qualche tempo in un garage. Adesso ha una piccola azienda e lavorano come dei matti. Quando finisce un lavoro che gli spezza la schiena, lascia gli strumenti da lavoro ed inizia la fase “non pozo“. Ossia per un periodo che varia da tre giorni a due settimane il suo sangue contiene un tasso di alcool che ucciderebbe più di metà della popolazione adulta in Europa. Se io lo cerco lui eventualmente si limita a rispondermi con un laconico messaggio nel quale denuncia la sua non disponibilità. Oppure non risponde e basta, io capisco. I suoi famigliari lo sanno e sopportano perchè in fondo lui è un ragazzo eccezionale, gran lavoratore, onestissimo, gli piace fare il suo lavoro e lo fa bene. Ovviamente in Romania faceva tutt’altro, ha capito che c’era la possibilità di prendere del lavoro qui ed ecco la sua nuova vita.

Ho la netta sensazione di aver già parlato di quest’uomo. E che ogni tanto, vedendo delle formidabili teste di cazzo anche italiane, personaggi svogliati, viziati, che lavorano male, controvoglia, mi vengono in mente le Truppe Rumene che alle prime luci dell’alba arrivano silenziose ed iniziano a scavare buchi in giardino dove ci saranno i nuovi alberi o dove metteranno i gocciolatori. Intanto gli pago le fatture a vista, sempre, e poi gli perdono i periodi “non pozo“. Parla un ottimo italiano ed usa il congiuntivo meglio del 95% dei giocatori di pallone. L’italiano scritto però lascia ancora a desiderare.

This entry was posted in All possible crap. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published.